Gioco di Ruolo Annomille.net
ANNOMILLE GIOCO DI RUOLO FANTASY MEDIEVALE
Dove le fantasie si incontrano

ASCOLTA LA MUSICA DEL REGNO DI THYREA | RADIO RIVENDELL




Cronache dalle contee :

[Il messaggio è affisso nella sola bacheca all'interno delle mura della Bruma. La calligrafia è elegante ed è riconducibile a quella di Golden Eagle. Sul fondo, oltre la firma, vi è il sigillo dei Maghi dell'Uroboro]

Le Arti Oscure

Per i profani che sanno ben poco della Magia, solitamente affibbiano tale Conoscenza tra le innumerevoli Arti Oscure. Ma cosa sono in realtà le Arti Oscure? Dare una risposta a tale domanda non è molto semplice. Andando a cercar un significato letterale e quindi facendo un'analisi delle singole parole Le Arti Oscure assumono il significato di Mestiere difficile da intendere, da interpretare. In sostanza con Arti Oscure si vogliono abbracciare tutte quelle conoscenze, tutti quei mestieri di cui si sa ben poco o che difficilmente una persona, in base alle proprie conoscenze acquisite, riesce a comprendere. E' il motivo per cui, molti, affidano a tale categoria anche la Magia in ogni sua singola forma, in virtù al fatto che la Magia non è accessibile a tutti e, allo stesso tempo, le sue nozioni sono di difficile apprendimento e quindi difficilmente intuibili.

Ma dal punto di vista di un fruitore di Magia (che sia Mago o Stregone) tale definizione è del tutto errata. Egli è un esperto di quest'arte, in particolar modo della scuola di cui si è specializzato, muovendosi con innata agilità nel suo campo di appartenenza, come un elfo silvano nei propri boschi. Nel caso di un fruitore di magia, per Arti Oscure si vanno ad intendere tutte le arti che, in qualche modo, abbracciano le forze oscure, come può essere la Necromanzia o il Culto di Hades, ad esempio. Per un fruitore, che esso sia legato alla scuola abiurativa o alla scuola evocativa, è offensivo sentirsi dire che la magia appartiene alle Arti Oscure, in quanto reputa che sia una classificazione troppo generalizzata del termine stesso, reputando la Magia come pura forma di Conoscenza, relegandola al pari delle altre.

Con tale articolo non voglio colpevolizzare coloro che non conoscono la distinzione che esiste tra le varie scuole magiche in quanto sarà anche sbagliato fare di tutta un'erba un fascio ma più volte ho trovato tale loro lacuna come un buon argomento di discussione, cercando di spiegarmi al meglio la differenza che sussiste all'interno delle singole scuole magiche, rimanendo, in ogni caso se vi riuscissi o meno, ad essere appagato delle mie argomentazioni in un semplice dibattito.

In sintesi non esiste una vera risposta a tale domanda in quanto essa dipende principalmente da un punto di vista soggettivo di colui che argomenta tali parole verso colui che ascolta. Ma per essere precisi, per un fruitore di Magia che abbraccia per tutta la vita la dottrina magica e i suoi innumerevoli percorsi, le Arti Mistiche, La Matematica, La Pittura e tutte le altre innumerevoli arti che sono presenti nel nostro Regno possono essere intese da lui come Arti Oscure, in quanto per egli sono di difficile interpretazione, ritornando alla definizione di Arti Oscure posta all'inizio di questo articolo, ritenendo come risposta più oggettiva alla nostra domanda.

Firmato
Golden Eagle
Arcimago Custode del Mutamento dell'Ordine dei Maghi dell'Uroboro
...

[segue]


Inviato da Golden

Bacheca avventure :

Una brezza leggera sfiora i rami e si insinua tra le fitte fronde degli alberi del Bosco Sacro. La luna grande, luminosa, piena domina il cielo scuro della notte, e i suoi raggi filtrano fino al sottobosco illuminandolo di luce argentata. L’aria è fredda e frizzante, non c’è silenzio ma una sinfonia di suoni fra l’eco dei richiami degli animali notturni, lo sbuffo del vento, e il frullare di ali frenetiche e voci squillanti di molte fatine che allegre percorrono il sentiero che conduce all’Albero delle Fate. Questo si erge imponente e maestoso al centro di un isolotto. Nient’altro che un albero alto e nodoso per chi non sa vedere ciò che esso davvero rappresenta, ma per chi conosce i segreti e la magia di cui esso è pregno, nulla di comune vi può vedere. A pochi battiti d’ali dall’albero e da esso visibile si trova la Sorgente delle Fate. Ed è proprio qui che si trova GWILWILRTH che posta al centro del lago intona una preghiera silenziosa, e quando giunge anche AISHA tutte le fate presenti si radunano intorno al lago, creando un cerchio palpitante e silenzioso che assiste rapito all’antico canto intonato dalla Vashyar, un canto che ha il potere non solo di deliziare le orecchie ma anche di evocare immagini, ora crudeli di guerre, morte e devastazione ora di viaggi, speranza e rinascita. E in ultimo la fugace apparizione di Seeriphyan a concludere la serata, le sue dolci parole e un ultimo dono per le due faerie, due piccoli cristalli a forma di fiocco di neve.

Fati: Euridice, Golden
Presenti: Gwilwileth, Aisha

--------------
Gwilwileth e Aisha--> Ottengono due piccoli cristalli a forma di fiocco di neve, al tatto sono freddi e impossibili da riscaldare, brillano se esposti alla luce di tutti i colori dell’arcobaleno.

Bosco Sacro--> Per tutta la notte continuerà a cadere una neve sottile simile a piccoli frammenti di cristallo, sebbene fredda non gela ma si accumula su terreno soffice e delicata, e resterà depositata a terra per almeno 48 ore, solo sul Bosco Sacro e in particolare intorno all’Albero delle fate.


[segue]

Inviato da Elanor

   

Nome
Password



Password dimenticata?

in questo momento...

Regno di Thyrea, oggi 10 Dicembre dell'anno 1009

Tempo: foschie e nebbie, la temperatura è di 18° C.

Vivono 1715 abitanti nel regno di Thyrea, di cui 1 presenti.

1 Uomini, 0 Donne

Nelle ultime 24 ore sono giunti 0 nuovi stranieri

Amdir.


 : : : : Trovaci su Google+